Giovanna Bellinisezione

Giovanna Bellini

Artista, Maestra di Reiki, scrittrice, nasce a Caracas, Venezuela nel 1967 e si trasferisce poi a 15 anni in Italia, a Genova, dove frequenta il Liceo Artistico e la Facolta’ di Architettura. Viaggia nel mondo per incontrare e conoscere le arti e i costumi di molte civiltà: Europa, Stati Uniti, Canada, Messico, Caraibi, Egitto, Marocco, Turchia, Bulgaria,  India, Thailandia, Nepal, Indonesia, Cina, Russia e altri, da cui trae ispirazione per il suo lavoro.

Nel 1993 inizia a creare gioielli in ferro, ottone, rame e vetro, ispirandosi al mondo sottomarino e creando la collezione “Les Fruits de Mer”. Nel 1994 collabora con l’agenzia di pubblicità “Show up” di Milano, creando gioielli per servizi fotografici e sfilate di moda.

Nel 1995 inizia un percorso di crescita personale con Reiki. Nel 1996 entra a far parte, come socia fondatrice, dell’ Associazione Culturale e di Promozione Sociale “La Citta’ della Luce”, Scuola per Operatori in Discipline Olistiche, Ecovillaggio e Comunità, con sede nelle Marche. Nel 1998 frequenta a Milano la Scuola d’ Arte Orafa. Nel 1999 consegue il Master di Reiki. Nel 2002 nasce il suo Laboratorio di Arte Spirituale “La Terra e il Fuoco”.

Dal 2006 vive e lavora nella sede centrale della associazione a Ripe (An), dove ha trasferito la sua attività. Nel laboratorio tiene corsi di Gioielli Etici ed Ecologici con Metalli Riciclati, Gioielli Energetici con i Cristalli e Gioielli Archetipici con le Rune, corsi di Ceramica e corsi di Runologia.

La Linea di Gioielli Etichic nasce dal cuore, come atto creativo necessario, spinto da una coscienza etica che non permette più di ignorare ciò che accade alla Terra. Nella creazione dei gioielli etichic utilizza esclusivamente rame e ottone riciclati, provenienti da vecchi oggetti, da scarti di lavorazione e da componenti edilizi e industriali dismessi.

Il gioiello nasce dall’immaginazione, da un disegno e da un modello su carta, poi si trasforma in scultura…

Ogni gioiello viene realizzato a mano come pezzo unico o in serie limitate. I pezzi vengono tagliati, forgiati su incudine, puliti e levigati a mano con carte abrasive. Nella realizzazione dei gioielli non vengono utilizzate saldature, un unico pezzo di metallo viene modellato per creare il gioiello. Questo per evitare lavorazioni lunghe e complicate ma soprattutto l’utilizzo di acidi sbiancanti e inquinanti.